CHI PUO’ BATTERE FROOME? IL GIRO D’ITALIA E..

LA ROSIERE (FRA): Chriss Froome lancia il suo scudiero Gerraint Thomas e sembra di rivivere il duello che ebbe con Braddley Wiggins nel 2012 quando il keniano bianco dovette sottostare agli ordini di scuderia e permettere al baronetto di vincere la Gran Boucle. Diciamo sembra perchè il Thomas di oggi non è parso così disposto a farsi da parte per il capitano. Prima ha attaccato, sorprendendo Froomey sull’ultima salita… poi ai 600 metri dal traguardo è scattato fulmineo, appena Froome si è riportato sul gruppetto di testa. Non proprio il comportamento di un fedele compagno, ma piuttosto di un compagno che sente di andar fortissimo e che non vuol rimanere imbrigliato nelle regole di squadra.

Fino ad oggi tutto bene con il Team Sky a professare grande diplomazia, ma la diplomazia a La Rosiere non è pervenuta. Torniamo però al dubbio del giorno. Questo Froome, parso a tratti irresistibile e prolisso di frullate, al momento è fortissimo e in palla più dei rivali. Sono volati discreti distacchi con Nairo Quintana e Vincenzo Nibali a 39″ di ritardo. Al momento la superiorità del team Sky è parsa netta. Resiste benissimo la farfalla di Maastricht: Tom Domulin.

Ci sono 2 importanti considerazioni da fare. Seppure fortissimo, Gerraint Thomas non ha l’esperienza degli altri big delle corse a tappe. Seconda considerazione, Froome ha corso e vinto anche il Giro d’Italia. Certo non era un corridore al 100% della forma quello che si è presentato al via a Gerusalemme, e pian piano è entrato in forma durante il Giro. Però ha nelle gambe una cosa di 3 settimane che lo ha  provato. La vittoria sullo Zoncolan è stata soffertissima e quella di Bardonecchia da leggenda. 2 tappe vinte con dispendio energetico e psichico enorme. Vincenzo Nibali si è difeso ed è parso intento a limitare i danni più che pensare al successo. Il siciliano sa che in certe occasioni è meglio rimanere feriti che morti in battaglia. Ha dalla sua astuzia e fantasia. Troverà il suo momento.

Che dire.. la palma della sfortuna oggi la prende Mikel Nieve, ripreso a poche centinaia di metri dal traguardo dopo una tappa in fuga. Ci riproverà. Sicuro.

Ti è piaciuto questo articolo? Ricordati di Scaricare Sport Plus Health.

 

Ordine d’arrivo

1 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 3:29:36
2 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb    0:00:20
3 Chris Froome (GBr) Team Sky 0:00:20
4 Damiano Caruso (Ita) BMC Racing Team 0:00:22
5 Mikel Nieve Iturralde (Esp) Mitchelton – Scott 0:00:22
6 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:00:27
7 Jesús Herrada (Esp) Cofidis Solutions Crédits 0:00:57
8 Romain Bardet (Fra) Ag2r La Mondiale 0:00:59
9 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain – Merida 0:00:59
10 Nairo Alexander Quintana Rojas (Col) Movistar Team 0:00:59
11 Primož Roglic (Slo) Team LottoNL – Jumbo 0:00:59
12 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNL – Jumbo 0:01:07
13 Mikel Landa Meana (Esp) Movistar Team 0:01:47
14 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky 0:01:47
15 Ilnur Zakarin (Rus) Team Katusha – Alpecin    0:01:58

 

CLASSIFICA GENERALE

1 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 44:06:16
2 Chris Froome (GBr) Team Sky 0:01:25
3 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb    0:01:44
4 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain – Merida 0:02:14
5 Primož Roglic (Slo) Team LottoNL – Jumbo 0:02:23
6 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNL – Jumbo 0:02:40
7 Mikel Landa Meana (Esp) Movistar Team 0:02:56
8 Romain Bardet (Fra) Ag2r La Mondiale 0:02:58
9 Nairo Alexander Quintana Rojas (Col) Movistar Team 0:03:16
10 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:03:16