FUORI SAGAN? PERDE IL TOUR

FUORI SAGAN? PERDE IL TOUR

VITTEL: L’arrivo in Francia è una vera e propria burrasca. Fuori Sagan, squalificato, fuori Cavendish, caduta, dentro Arnoud Demare, il campione di Francia che fa secchi tutti e vince a braccia alzate. A dire la verità anche lui non disputa una volata immacolata, con un cambiamento di direzione importante che solo il passaporto francese gli ha condonato. E’ un bel corridore Demare, peccato che ogni volta che vince si trascina una polemica. Fu così anche alla Milano Sanremo dello scorso anno quando venne accusato di essere rientrato da una caduta grazie ad un traino in auto.   La vera notizia di oggi resta l’espulsione, esagerata di Peter Sagan. L’accusa è […]

MENTE VELOCE PER USCIRE DAI GUAI

MENTE VELOCE PER USCIRE DAI GUAI

LONGWY: Peter Sagan è la forza, la sicurezza, la capacità di porre rimedio all’errore che potrebbe essere fatale. Un uomo dalla visione strategica fuori dal comune che gli permette di rimanere al coperto fino agli ultimi 400 metri dei terribili 2.000 finali e poi giocare la sua carta migliore. A turno ci provano un po’ tutti, il più convinto è il campione olimpico Greg Van Avermaet che sembra fare da sé e poi invece passa in supporto di Richie Porte. Poi anche Alberto Contador che rimbalza in brutto modo, quello di chi non ha abbastanza potenza per stare lì davanti. Eppure lui è uno che punta in alto. La mente […]

#TOURDEFRANCE, 2 VINCITORI: UNO IN CORSA HA PERSO

#TOURDEFRANCE, 2 VINCITORI: UNO IN CORSA HA PERSO

LIEGI: Una giornata con 2 eroi. Il primo è quello che vince, il tedesco Marcel Kittel, il secondo è quello che perde, l’americano Taylor Phinney. Entrambi 2 ragazzoni da 1 metro e 90 che non li sposti nemmeno con le cannonate. Uno che si porta a casa la maglia a pois, lottando sui cavalcavia già a Grafenberg e portandola a casa punto su punto dopo 200 km di fuga ripresa a un nulla dal traguardo. Una storia a lieto fine la sua che 2 anni fa (maggio 2014) aveva avuto un incidente molto grave contro un gard rail al confine tra Tennesee e Georgia. Risultato? La doppia frattura alla gamba […]

VROOM… CHE FROOME. BALA CHE PECCATO

VROOM… CHE FROOME. BALA CHE PECCATO

DUSSELDORF: Che Froome ragazzi. Il britannico è la vera scheggia di giornata che con una super prestazione lascia dietro di sé tutti i pretendenti alla vittoria finale. Distacchi pesanti e una grave perdita oggi in Germania: un combattente come lo spagnolo Alejandro Valverde (lo stesso punto di Ion Izagirre) dopo pochi chilometri. Cade e va in ospedale. Una cosa brutta, forse per una leggerezza degli organizzatori. Perdiamo un protagonista sicuro, 2 anni fa salì sul 3° gradino del podio. Valverde a parte sono due le note da segnalare. Lo strapotere di Sky con ben 4 corridori nei primi 8 della graduatoria (compresa la vittoria e maglia gialla con Gerraint Thomas), il piazzamento […]

LO SPETTACOLO DEL TOUR

LO SPETTACOLO DEL TOUR

La Germania rientra in grande stile al Tour de France con un investimento importante, milionario. La TV tedesca, dopo l’assenza per diversi anni dalla più importante gara al mondo, è tornata in forze sulle strade francesi. Ci sono tutti gli ingredienti per una vera e propria festa europea. I favoriti per la generale, manco a dirlo, sono quelli che lo scorso anno furono sul gradino più alto del podio: Chris Froome. Troppo forte al momento la sua SKY se si pensa che il primo degli esclusi, Wouter Poels, lo scorso anno vinse la Liegi Bastonne Liegi. Si parla tanto di Richie Porte (BMC) che al Giro del Delfinato volava. Il […]

20′ AL TOP PER SALVAR LA GAMBA

20′ AL TOP PER SALVAR LA GAMBA

Non sempre un ciclista esprime il meglio di sé nei finali di corsa. Soprattutto durante le gare a tappe ci sono molte dinamiche che entrano in gioco. Ogni corridore ha un obiettivo di giornata e generale. C’è chi si risparmia in vista delle frazioni più favorevoli alle proprie caratteristiche. Ci sono invece casi in cui si deve lavorare per il proprio capitano in una determinata fase, oppure si va al massimo per azzeccare la fuga buona. Analizziamo ora uno di questi casi specifici. Il nostro tester è sempre Davide Martinelli (Quick Step) che ci ha segnalato la tappa da Valdengo a Bergamo. “L’ho scelta perché mi è piaciuta molto” – […]

ARU TRICOLORE CON LA MAGLIA DI SCARPONI

ARU TRICOLORE CON LA MAGLIA DI SCARPONI

IVREA: La maglia azzurra che Fabio Aru oggi aveva indosso era una maglia speciale, anzi specialissima a cui era legato in modo assoluto. Glie l’aveva regalata Michele Scarponi con cui era in ritiro a Sierra Nevada questa primavera. Uno scambio di amicizia ed un patto di lealtà in vista del Giro d’Italia per cui si stavano preparando. Michele non c’è più ma oggi Fabio ha indossato quella maglia. Dentro di sé una motivazione super e la voglia di impresa speciale. Per di più il Piemonte gli piace, ci passa tanto tempo per gli allenamenti in altura a Sestriere. Aru oggi, nel suo Piemonte ci ha colto una delle vittorie più […]

UNA MAGLIA, TANTI PRETENDENTI

UNA MAGLIA, TANTI PRETENDENTI

IVREA: Si può pedalare per 236 km da Asti ad Ivrea per indossare una maglia tricolore? Pare di sì e c’è pure una grande concorrenza per riuscire ad aggiudicarsela. Una prova dura, quella che domenica vedrà quasi 200 professionisti del pedale in gara per l’oro e per quel simbolo che si indossa per un anno intero. Al momento, a fregiarsi di quest’onore è il brianzolo Giacomo Nizzolo della Trek-Segafredo che a Darfo Boario, nel 2016, fece un bellissimo numero. Prima di lui il bis di Vincenzo Nibali che quest’anno non è segnalato in grande spolvero dopo un Giro d’Italia corso ad altissimo livello. Chi non partecipa al Campionato Italiano si […]

#TOURDESUISSE: CARUSO TENTA L’IMPRESA… SAGAN C’E’

#TOURDESUISSE: CARUSO TENTA L’IMPRESA… SAGAN C’E’

SCIAFFUSA (SVI): Il #TourdeSuisse saluta il secondo successo di Peter Sagan e si prepara a incoronare Splilak. Difficilmente Damiano Caruso riuscirà a scavalcarlo nella classifica generale, perché 52″ in nemmeno 30 km sono difficili da recuperare per un non specialista. Il siciliano sta bene, ed in passato ha dato buoni segnali nelle prove contro il tempo. La speranza è l’ultima a morire. Dalla sua Spilak ha l’esperienza di aver già vinto un Tour de Suisse e queste corse a tappe di breve durata sono la sua specialità. A Sciaffusa Sagan ha vinto con un’insolita maglia nera. Non si tratta del riconoscimento per l’ultimo in classifica, ma di quello per il […]

#TOURDESUISSE: SPILAK CHE COLPO ! SPETTACOLO A SOLDEN

#TOURDESUISSE: SPILAK CHE COLPO ! SPETTACOLO A SOLDEN

SOLDEN (AUSTRIA): Simon Spilak e la Katusha firmano la grande impresa sulle strade del Tour de Suisse. Lo sloveno ha sfruttato il grande lavoro dei suoi compagni per imporre la sua legge a Solden, a quota 2700 metri, e conquistare in un sol colpo tappa e maglia di leader della generale. Alle spalle di Spilak, lo spagnolo Izagirre (Bahrain Merida) autore di un grande recupero, poi Dombrowski della Cannondale Drapac. Ad un minuto il terzetto formato da Caruso, Kruijswijk e Hirt, a 1’50” Rui Costa mentre Domenico Pozzovivo è apparso in difficoltà sin dalle prime rampre della salita finale, poi si è ripreso e ha limitato i danni a 2’40”, […]