CONTADOR, UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO.

CONTADOR, UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO.

Si riparte da Perigueux e si va a Bergerac, famosa per Cirano. Tutti i big sono in rampa di lancio a parte il povero Richie Porte che è in ospedale. Qui, in questo Tour, il ciclista che manca all’appello è Alberto Contador. Lo spagnolo di Pinto in realtà è in gara, attardato di 5’:15” al 12esimo posto. Il vero sconfitto di questa edizione 2017. Ci si potrebbe chiedere se si tratti di un’annata sfortunata o di una fine di carriera. Il campione ha sempre dichiarato che i valori espressi in allenamento erano buoni e che la gamba era quella dei giorni giusti. Segno che a volte anche i watt parlano […]

#TOURDEFRANCE: QUESTIONE DI LINGUA

#TOURDEFRANCE: QUESTIONE DI LINGUA

Lilian Calmejane, esperto in linguacce come il suo capitano Thomas Voeckler, oggi ha veramente dato spettacolo con una frazione pazza e ricca di sorprese. Oltre alla bravura mostrata, il francesino 25 enne debuttante al Tour ha saputo catalizzare su di sé l’attenzione, prima per la bravura mostrata in gara e poi per una serie di episodi che non capita spesso di vedere in un vincitore. Il primo colpo di scena ai meno 5 dall’arrivo. Crampi. Solitamente chi incappa in questo tipo di problemi, in una tappa del genere è spacciato. Invece la promessa transalpina ha saputo sorprendere anche sé stesso. Sperava di poter far bene alla Gran Boucle, ma mai […]

WEEK END GIA’ DECISIVO? OGGI UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI

WEEK END GIA’ DECISIVO? OGGI UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI

Una questione di centimetri, meno ancora di millimetri, pare 3. Così il destino che accompagna certi campioni imbattibili ha voluto che Marcel Kittel portasse a casa la terza vittoria al Tour de France. Il battuto è il povero Bohasson Hagen, norvegese eterno predestinato che inizia a non essere più tanto giovane. Kittel azzecca il colpo, un’inezia, un soffio, che gli permette di cambiare la storia. Sicuramente la sua personale in questo Tour de France che lo incorona sempre più King of the sprinter. Lo sguardo è però già proiettato avanti, a sabato con l’arrivo a Station des Rousses, di 187,5 km (una frazione che si svolge interamente sul Massiccio del Jura […]

MARCELLO BELLO SHOW. DEMARE, CHE NUMERO!

MARCELLO BELLO SHOW. DEMARE, CHE NUMERO!

Marcello bello Kittel porta a casa il secondo successo di tappa in questo Tour de France. E oggi il trappolone di Arnoud Demare non riesce. Non ce la fa a portare gli avversari contro le transenne. Il giochino lo hanno capito quasi tutti. C’è da dire che il campione di Francia regala comunque un numero ad effetto, passa dove nemmeno un gatto ci riuscirebbe, tra il cartellone pubblicitario e Bohasson Hagen. Roba da non credere. Sfugge come un’anguilla ed è impossibile non notarlo perché oggi è vestito tutto di verde, bici compresa. Nemmeno il tempo di rimanere sbigottiti che Kittel riporta tutti alla realtà con colpo potentissimo. Demare e Greipel […]

ARU SUBITO IL BOTTO, LA CORSA ESPLODE

ARU SUBITO IL BOTTO, LA CORSA ESPLODE

Planche des Belles Filles (FRA): A 2.400 metri dall’arrivo il gruppo saliva a velocità folle. Doveva ancora entrare in azione Gerrain Thomas per dare l’ultima trenata a favore di Chris Froome. A quel punto Fabio Aru, il sardo di Villacidro ha piazzato il suo colpo, un po’ per orgoglio un po’ per saggiare la gamba degli avversari. E poi la sorpresa, la pedalata sciolta ha fatto saltare tutte le tattiche dei super programmati atleti del team britannico SKY. Qui, su questo traguardo, aveva vinto anche Vincenzo Nibali, un amico di Aru, che aveva poi conquistato quella corsa. Oggi Pedal-Aru, dopo un periodo difficile fatto di sacrifici e la sofferenza di non […]

FUORI SAGAN? PERDE IL TOUR

FUORI SAGAN? PERDE IL TOUR

VITTEL: L’arrivo in Francia è una vera e propria burrasca. Fuori Sagan, squalificato, fuori Cavendish, caduta, dentro Arnoud Demare, il campione di Francia che fa secchi tutti e vince a braccia alzate. A dire la verità anche lui non disputa una volata immacolata, con un cambiamento di direzione importante che solo il passaporto francese gli ha condonato. E’ un bel corridore Demare, peccato che ogni volta che vince si trascina una polemica. Fu così anche alla Milano Sanremo dello scorso anno quando venne accusato di essere rientrato da una caduta grazie ad un traino in auto.   La vera notizia di oggi resta l’espulsione, esagerata di Peter Sagan. L’accusa è […]

MENTE VELOCE PER USCIRE DAI GUAI

MENTE VELOCE PER USCIRE DAI GUAI

LONGWY: Peter Sagan è la forza, la sicurezza, la capacità di porre rimedio all’errore che potrebbe essere fatale. Un uomo dalla visione strategica fuori dal comune che gli permette di rimanere al coperto fino agli ultimi 400 metri dei terribili 2.000 finali e poi giocare la sua carta migliore. A turno ci provano un po’ tutti, il più convinto è il campione olimpico Greg Van Avermaet che sembra fare da sé e poi invece passa in supporto di Richie Porte. Poi anche Alberto Contador che rimbalza in brutto modo, quello di chi non ha abbastanza potenza per stare lì davanti. Eppure lui è uno che punta in alto. La mente […]

#TOURDEFRANCE, 2 VINCITORI: UNO IN CORSA HA PERSO

#TOURDEFRANCE, 2 VINCITORI: UNO IN CORSA HA PERSO

LIEGI: Una giornata con 2 eroi. Il primo è quello che vince, il tedesco Marcel Kittel, il secondo è quello che perde, l’americano Taylor Phinney. Entrambi 2 ragazzoni da 1 metro e 90 che non li sposti nemmeno con le cannonate. Uno che si porta a casa la maglia a pois, lottando sui cavalcavia già a Grafenberg e portandola a casa punto su punto dopo 200 km di fuga ripresa a un nulla dal traguardo. Una storia a lieto fine la sua che 2 anni fa (maggio 2014) aveva avuto un incidente molto grave contro un gard rail al confine tra Tennesee e Georgia. Risultato? La doppia frattura alla gamba […]

VROOM… CHE FROOME. BALA CHE PECCATO

VROOM… CHE FROOME. BALA CHE PECCATO

DUSSELDORF: Che Froome ragazzi. Il britannico è la vera scheggia di giornata che con una super prestazione lascia dietro di sé tutti i pretendenti alla vittoria finale. Distacchi pesanti e una grave perdita oggi in Germania: un combattente come lo spagnolo Alejandro Valverde (lo stesso punto di Ion Izagirre) dopo pochi chilometri. Cade e va in ospedale. Una cosa brutta, forse per una leggerezza degli organizzatori. Perdiamo un protagonista sicuro, 2 anni fa salì sul 3° gradino del podio. Valverde a parte sono due le note da segnalare. Lo strapotere di Sky con ben 4 corridori nei primi 8 della graduatoria (compresa la vittoria e maglia gialla con Gerraint Thomas), il piazzamento […]

LO SPETTACOLO DEL TOUR

LO SPETTACOLO DEL TOUR

La Germania rientra in grande stile al Tour de France con un investimento importante, milionario. La TV tedesca, dopo l’assenza per diversi anni dalla più importante gara al mondo, è tornata in forze sulle strade francesi. Ci sono tutti gli ingredienti per una vera e propria festa europea. I favoriti per la generale, manco a dirlo, sono quelli che lo scorso anno furono sul gradino più alto del podio: Chris Froome. Troppo forte al momento la sua SKY se si pensa che il primo degli esclusi, Wouter Poels, lo scorso anno vinse la Liegi Bastonne Liegi. Si parla tanto di Richie Porte (BMC) che al Giro del Delfinato volava. Il […]