IL GAMBONE DI POZZOVIVO. LA FORMA DELLA VITA PER PUNTARE AL PODIO

(Pozzovivo guida il gruppo nella tappa odierna).

Nel gioco del “chi è più in forma” oggi svela le carte il piccolo Domenico Pozzovivo del Bahrain Merida. Il lucano cade a meno 14 km dal traguardo di Santa Ninfa (Valle del Belice). Succede uno di quegli episodi che potrebbero rovinarti la corsa. Domenico però è uno attento e in questo periodo gli riesce tutto facile. A onor del vero non solo al lui, anche a Giovanni, il suo compagno che lo aspetta per aiutarlo a rientrare. Giovanni è Visconti, non uno qualsiasi, ma uno che in carriera ha vinto 3 titoli di campione italiano.

Sulle strade di casa, Giovanni si sacrifica per aiutare Domenico. Rientrano sul gruppo ma sentono di avere ancora forza e si riportano davanti. Non esitano, puntano la testa del gruppo e vanno addirittura a lavorare a ruoli invertiti. E’ Pozzovivo che aiuta Visconti. Si corre in Sicilia e Giovanni vuole vincere davanti al suo pubblico. Arriva secondo Giovanni e Domenico è 7°. Vince Enrico Battaglin, veneto tosto che per correre si è trasferito in olanda, alla Lotto Jumbo, dove ha dovuto imparare una lingua dura e difficile come quella dei Paesi Bassi. “L’inglese a confronto è una passeggiata” racconta in vincitore di oggi.

 

Torniamo però a Pozzovivo che ricopre il ruolo di capitano del Team Bahrain. Il piccolo lucano è approdato al team rossoblù proprio per sostituire Vincenzo Nibali in questo Giro d’Italia. Poteva scegliere anche altre squadre, in diversi lo avevano cercato. Un giorno però si stava allenando con Nibali. Vincenzo gli ha proposto di entrare in squadra e subito si è accesa la fiamma. Dopo 5 stagioni alla corte del team francese AG2R ha voluto seguire l’istino ed il cuore. Vicino ad un grande campione come lo Squalo dello Stretto è cresciuto ancora, rubandone i segreti ed ascoltandone i consigli. Ora è pronto per tentare qualcosa di grande, il podio per lui non pare essere impossibile con il gambone.

 

Pozzovivo e tutto il Team Bahrain si allenano con SportPlusHealth.

Prova la nostra applicazione SPH Cycling