Sagan vince la sua prima Classica con una fuga solitaria al GIro delle Fiandre

Peter Sagan ha vinto il Giro delle Fiandre del  3 Aprile con stile, prendendosi la vittoria dopo una fuga solitaria a 15 km dal traguardo sulla scalata del Paterberg. Il campione mondiale dell’UCI ha ottenuto la sua prima vittoria in una delle Classiche, finendo un’eccezionale gara faticosa 25 secondi prima rispetto ai suoi avversari.

Sette settori di pavè a ciottoli, diciotto scalate e tutto questo per un percorso di 255,9 Km. Combinate questo con un ritmo veloce e furioso, dove il minimo errore o incidente potrebbe cambiare l’esito della corsa in un momento, sicuramente il Ronde van Vlaanderen del 2016 non sarebbe stato facile.

Giro delle Fiandre 2016 - 100a Ronde Van Vlaanderen - Tour of Flanders - Brugge - Oudenaarde 255 km - 03/04/2015 - Peter Sagan (Tinkoff) - foto Nico Vereecken/PN/BettiniPhoto©2016

Giro delle Fiandre 2016 – 100a Ronde Van Vlaanderen – Tour of Flanders – Brugge – Oudenaarde 255 km – 03/04/2015 – Peter Sagan (Tinkoff) – foto Nico Vereecken/PN/BettiniPhoto©2016

Il campione mondiale dell’UCI ha dedicato la sua vittoria ad Antoine Demoitiè e Dan Myngheer, i due corridori Belghi che purtroppo hanno perso la vita rispettivamente nel Gent-Wevelgem e al Criterium International, e a Maciej Bodnar, un compagno di squadra di Peter, che non ha potuto partecipare con lui alla gara a causa di un infortunio sostenuto mentre si allenava questa settimana. “Voi dovreste pensare ai due ciclisti che sono morti la scorsa settimana – è stato molto triste. Voglio dedicare la mia vittoria a loro e a Maciej Bodnar che ha avuto un incidente durante l’allenamento. Voglio augurargli di guarire e di vederlo di nuovo nel gruppo al più presto.”

Dall’inizio, ci sono stati due tentativi di rompere con il gruppo , ma dopo quasi due ore di gara, nessuno è riuscito a staccarsi. Poco prima che iniziassero le salite e i ciottoli intorno ai 100 km, finalmente c’è stato un distacco, ma in una fase così precoce della corsa, il gruppo sembrava tranquillo. Tutti questi distacchi si sono annullati da soli senza bisogno del gruppo di recuperare, la difficoltà del percorso diventava più evidente.

A 40 Km dall’arrivo, sono iniziati gli attacchi dei favoriti. Con un piccolo gruppo lungo la strada, a 32 Km dal traguardo, un terzetto di corridori incluso Peter Sagan è andato all’attacco, diminuendo il divario con i 23 km restanti, lasciando il gruppo di inseguitori a più di 30 secondi dietro di loro.

Poi, sul Kwaremont, gli inseguitori hanno raggiunto il gruppo di Sagan, ma invece di rallentare, Peter ha attaccato, prendendo Vanmarcke del LottoNL-Jumbo con lui, creando velocemente uno stacco. Il Paterberg arrivò, e Peter, sembrava molto calmo e composto, facendo la mossa decisiva, lascia il Belga Vanmarcke dietro di lui. A 15 Km dall’arrivo Peter era da solo in testa, aumentando velocemente il tempo tra lui e gli inseguitori e creando una distanza importante.

Giro delle Fiandre 2016 - 100a Edizione - Ronde Van Vlaanderen - Tour of Flanders - Brugge - Oudenaarde 255,9 km - 03/04/2016 - Peter Sagan (Tinkoff) - foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2016

Giro delle Fiandre 2016 – 100a Edizione – Ronde Van Vlaanderen – Tour of Flanders – Brugge – Oudenaarde 255,9 km – 03/04/2016 – Peter Sagan (Tinkoff) – foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2016

Della sua fuga solitaria, Peter ha raccontato al traguardo: “La gara è stata veramente difficile oggi ed è difficile lavorare con gli altri ragazzi perchè nessuno vuole collaborare con me. E’ sempre meglio abbandonare tutti.”

Una volta che Peter passò il Flamme Rouge, era chiaro che la fuga del campione del mondo dell’UCI stava per avere successo, tagliando il traguardo a Oudenaarde con venticinque secondi di vantaggio su Fabian Cancellara del team Trek-Segafredo. Nonostante la distanza, Peter era sicuro che la gara sarebbe stata difficile. “E’ stata una gara veramente difficoltosa dall’inizio alla fine, andavamo sempre a massima velocità e ho avuto un po’ di problemi dopo i 100 Km, ho dovuto cambiare entrambe le ruote. Ci sono stati molti incidenti – ringrazio tutto il team che ha fatto un ottimo lavoro.” Peter si è affrettato a elogiare il proprietario del team, Oleg Tinkov, per il suo continuo sostegno per la squadra.

Il Direttore Sportivo, Lars Michaelsen, ha lodato lo sforzo enorme di Peter, così come il resto della squadra, dopo la gara. “Andando in gara la nostra strategia era abbastanza chiara – incentrato su un leader e tutto il team ha creduto in Peter e al piano. Abbiamo parlato nel nostro piano di prestazione per la gara su chi doveva fare cosa e in quale momento e tutti hanno contribuito come potevano alla vittoria, quindi oggi è stata una grande dimostrazione di tutta la squadra.”

Lars ha continuato dicendo : “E’ stato bello vedere che pure suo fratello Juraj ha fatto una bella gara, dando il massimo, e Oscar era sempre dietro durante le salite e nel finale per preparare la strategia per Peter. I ragazzi lo hanno tenuto lontano dai guai, anche se ci sono stati un sacco di incidenti. Nikolay Trusov è caduto e ha dovuto cambiare bicicletta, e quando Peter ha dovuto fare il cambio ruote il team è rimasto calmo e professionale. Poi quando ha fatto la sua mossa era ancora molto distante, a 35 Km dall’arrivo, come abbiamo visto al Harelbeke e al Gent-Wevelgem, ma lui è un campione che fa per se e noi l’abbiamo seguito nella sua decisione di partire così presto. Alla fine quando era veramente il momento di avventarsi noi abbiamo continuato a dirgli da dietro di crederci mentre anche gli altri gridavano dietro. Un altro giro stupefacente.  ”

Con la Parigi-Roubaix fra una settimana, Peter sentiva che era troppo presto dopo la sua vittoria Oudenaarde per parlare delle sue possibilità. “Sono veramente felice per questa vittoria. Ora voglio divertirmi dopo questa vittoria, e alla settimana prossima ci penseremo la settimana prossima, non ora.”

Race Result

1. Peter Sagan (SVK) Tinkoff 06:10:42
2. Fabian Cancellara (SWI) Trek-Segafredo +00:00:25
3. Sep Vanmarcke (BEL) LottoNL-Jumbo +00:00:27
4. Alexander Kristoff (NOR) Katusha +00:00:48
5. Luke Rowe (GBR) Team Sky +00:00:48

26. Oscar Gatto (ITA) Tinkoff +00:01:45
45. Juraj Sagan (SVK) Tinkoff +00:07:19
86. Pavel Brutt (RUS) Tinkoff +00:07:19
108. Michael Gogl (AUT) Tinkoff +00:12:48

DNF Adam Blythe (GBR) Tinkoff
DNF Michael Kolar (SVK) Tinkoff
DNF Nikolay Trusov (RUS) Tinkoff

Crediti:

http://www.tinkoffteam.com/news/sagan-takes-first-monument-with-solo-breakaway-to-ronde-van-vlaanderen-victory/